La statua di Mosè, realizzata da Michelangelo nel 1513, è una delle più grandi opere dell’arte italiana. Pare che le corna sul capo di Mosè derivino da un’errata traduzione del libro dell’Esodo in cui si narra che al patriarca, discendendo dal Sinai, fossero comparsi due raggi sulla fronte, a significare un volto raggiante. L’ebraico “karan” o “karnaim” | raggi – potrebbe essere stato confuso con “keren” | corna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi